Politica sui cookie

Soccorritori del 118 aggrediti a Palermo, la reazione della Ugl: “Vicini ai lavoratori, continuiamo a invocare pene più severe per gli aggressori e più tutele per gli operatori”

118“Condanniamo fermamente l’episodio che ha visto coinvolta questa mattina una squadra di operatori del 118, aggredita a Palermo all’interno di un’abitazione.

Siamo ancora una volta vicini ai lavoratori, uno dei quali ferito con pugni al volto, mentre continuiamo anche  oggi ad invocare pene più severe per gli aggressori e più tutele per gli impiegati del settore.

Di fronte ad una lista di episodi, sempre più preoccupante non solo in Sicilia ma in tutta Italia, le istituzioni governative nazionali non possono ancora perdere tempo con la solita stucchevole melina parlamentare. Bisogna concludere in tempi rapidi l’iter del disegno di legge 867 approvato dal Senato e tutt’ora all’esame della commissione

Affari istituzionali della Camera, ma soprattutto occorre inserire nel testo il riconoscimento della qualifica di pubblico ufficiale per tutti gli operatori sanitari. In assenza di ciò la nuova norma avrebbe un effetto meno incisivo sulla tutela dell’incolumità di chi lavora all’interno dei luoghi di cura o nei servizi di emergenza e urgenza.

Per questo facciamo appello ai Ministri competenti in materia, ed ai deputati, perchè non venga persa un’occasione così importante per dare una prima risposta forte nei confronti di quella che, da anni denunciamo, e che  oggi è ormai una vera e propria emergenza quotidiana”.

Lo dicono Carmelo Urzì e Raffaele Lanteri, segretari rispettivamente delle federazioni Sanità e Medici della Ugl.