Politica sui cookie

Indotto ex Fiat. Ugl, verso istituzione Tavolo Tecnico

porto-termini-imerese
“Finalmente, dopo quattro anni, sembrano accendersi i riflettori sui lavoratori dell’indotto ex Fiat di Termini Imerese, ormai diventati invisibili e con poche speranze, dimenticati per troppo tempo e tenuti al margine delle trattative per il ricollocamento lavorativo”.
A dichiararlo Angelo Mazzeo, Segretario regionale Ugl Metalmeccanici e Lorenzo Giordano, Segretario provinciale di Palermo della Categoria, a margine dell’incontro dello scorso 16 ottobre tenutosi a Palazzo d’Orleans presso Sala Blu per il discutere del futuro dei lavoratori indotto ex Fiat e per chiedere l’istituzione, del Tavolo Tecnico per l’attivazione delle nuove politiche attive del lavoro.
Alla riunione ha partecipato una delegazione composta dal Segretario regionale Url, Giuseppe Messina, dal Segretario regionale Ugl Metalmeccanici, Angelo Mazzeo, dal Segretario provinciale di categoria Lorenzo Giordano, dal componente del Direttivo di categoria Antonio Passafiume e dai delegati dell’indotto Serraino Francesco, Restivo Edoardo e D’Agostino Attilio.
“Ci riteniamo soddisfatti della disponibilità ricevuta dal Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci – dichiara Messina – che ha voluto accendere i riflettori alimentando la speranza per questa categoria di lavoratori”.
“Incassiamo come positivo il risultato della istituzione del Tavolo Tecnico indotto “Area di crisi industriale complessa Bacino Termini Imerese” – aggiunge il Segretario regionale dell’Ugl Sicilia – che è il primo atto necessario per affrontare le problematiche di questi lavoratori da troppo tempo abbandonati al loro destino”.
La riunione presieduta dal Capo di Gabinetto Vicario del Presidente della Regione Siciliana, Eugenio Ceglia  ha visto la partecipazione del dirigente generale del Dipartimento regionale  Lavoro, Francesca Garroffolo,  di altre organizzazioni sindacali e di una delegazione di lavoratori dell’indotto ex Lear.