Politica sui cookie

Caltanissetta. Ugl, positivo avvio tavolo tecnico infrastrutture

MESSINAPositiva la scelta del governo regionale e dell’assessore Marco Falcone di avviare un Tavolo tecnico sulla viabilità in provincia di Caltanissetta partendo dal territorio, dal sistema viario e ferroviario evidenziandone criticità e programmi d’investimento; ed è positivo il metodo di  condivisione con le parti sociali per migliorare i collegamenti e pianificare il rilancio economico-produttivo mettendo a sistema risorse ed infrastrutture.
A dichiararlo il Segretario dell’Ugl Sicilia, Giuseppe Messina ed il segretario dell’Ugl di Caltanissetta Andrea Alario, a margine dell’incontro promosso dall’assessore regionale alle Infrastrutture ed alla mobilità.
Un tavolo che secondo l’Ugl deve costituire il riferimento territoriale per individuare, facendo sintesi col territorio e le parti sociali, un piano infrastrutturale straordinario realmente necessario per lo sviluppo del territorio nisseno, dalle strade ai treni, alla portualità per collegarlo al resto dell’Isola .
E proprio sulla portualità ha insistito Alario . “L’utilizzo del pontile Eni è strategico, come unico sbocco a mare della provincia, capace di accogliere gli scambi commerciali – dice – ma senza infrastrutture come il collegamento verso il nord Italia e l’Europa o l’asse Gela-Catania non permetterà a nessuno di investite a Gela. E’ un punto importante anche per la città di Niscemi, centro per eccellenza del carciofo. Senza infrastrutture per il trasferimento verso il nord non potrà mai avere il successo desiderato. Il governo regionale deve dare centralità alla Gela-Catania e al nuovo porto”.
Allo stesso tempo, i sindacalisti dell’Ugl auspicano che gli investimenti, se ci saranno, partano dal rispetto della legalità e delle regole contrattuali.
“Sosteniamo le iniziative purché siano rispettate la legalità nella gestione degli appalti, la trasparenza nelle procedure di valutazione e aggiudicazione – concludonoMessina e Alario – il rispetto di tempi certi nella realizzazione delle opere e la garanzia del rispetto del contratto di lavoro per i lavoratori impegnati nei cantieri”.
Presenti al vertice anche diversi amministratori locali e la deputazione regionale.