Politica sui cookie

Ugl, confermiamo appoggio referendum Cgil su voucher

Foto-E-Zanini281-1080x675“Un bene per la democrazia e per il lavoro che il Consiglio dei  ministri abbia approvato la data del referendum della Cgil”.

Lo dichiara il  segretario generale dell’Ugl, Francesco Paolo Capone, in merito  all’approvazione da parte del Cdm del decreto per l’indizione dei referendum

popolari, previsti per il 28 maggio, relativi all’abrogazione di disposizioni  limitative della responsabilita’ solidale in materia di appalti e  all’abrogazione di disposizioni sul lavoro accessorio, i cosiddetti voucher.

“L’Ugl -sottolinea il sindacalista- conferma anche oggi la scelta di appoggiare  i referendum della Cgil, perche’ considerati una battaglia di civiltà.

La  cancellazione dei voucher e la reintroduzione della piena responsabilità  solidale in tema di appalti rappresentano una concreta possibilita’ per i

lavoratori e i cittadini di cancellare una parte non irrilevante delle norme  piu’ inique introdotte dal Jobs Act; a meno che il governo Gentiloni o il

Parlamento non decidano nel frattempo di incidere cosi’ profondamente su una  riforma da loro stessi progettata e approvata”. “Il jobs act -conclude Capone-

ha tradito tante aspettative e contemporaneamente reso tutto il lavoro un luogo  sempre piu’ insicuro e precario. In tal senso, riteniamo la battaglia

sull’articolo 18, quesito non ammesso dalla Consulta, una strada ancora da  percorrere. Altre vie e altre forme di riappropriazione di questo diritto sono

e devono essere possibili”.