Politica sui cookie

RIDER, “SOLIDARIETÀ PER LE MANIFESTAZIONI SINDACALI IN SPAGNA”

coronavirus-rider-pia-lavoro-ma-sono-protetto-wide-bkoqr“Massima solidarietà e sostegno da parte della UGL Rider alle Organizzazioni sindacali spagnole che stanno manifestando contro la subordinazione, stabilita, per il lavoro in piattaforma, dal Governo”.

Questo il commento del segretario nazionale UGL Rider, Vincenzo Abbrescia, a fronte della decisione del Consiglio dei Ministri spagnolo di considerare i lavoratori che consegnano cibo o altri prodotti come dipendenti. “E’ significativo che venga disciplinata per legge la tipologia del contratto di lavoro da applicare, ciò significa che in Spagna la libertà imprenditoriale viene condizionata e soffocata dal legislatore.

Ancor più significativo – prosegue Abbrescia – che questa legge non trovi il consenso di coloro che svolgono l’attività di Rider. Una legge che non piace ai lavoratori e rischia di allontanare gli investitori creando delle condizioni contrattuali per cui i Rider si troveranno a percepire compensi di poche centinaia di euro al mese al limite della sopravvivenza economica e sociale. La soluzione non può essere l’applicazione, per legge, di un contratto di lavoro subordinato”.

“Significherebbe – conclude Abbrescia – insistere con strumenti che oggettivamente risultano inadeguati per gestire il lavoro in piattaforma. E’ innegabile, anche sulla base di esperienze che hanno interessato diverse nazioni, che il lavoro in piattaforma deve conservare l’autonomia e non può essere ancorato a vecchi schemi contrattuali”.