Politica sui cookie

Almaviva, Conti (Ugl):“Cessione ramo d’azienda del sito di Palermo non sia la creazione di una bad company”

almaviva-sede-centrale“Almaviva Contact ha comunicato ieri l’avvio formale della procedura di cessione di ramo del sito di Palermo con 3400 operatori di cui 2800 a tempo indeterminato. La nuova società sarà controllata sempre da Almaviva Contact”.

Ne dà notizia il Segretario Nazionale Ugl Telecomunicazioni, Stefano Conti, spiegando che “secondo quanto scritto nella lettera inviata dall’azienda ai sindacati, l’operazione sarebbe mirata a  invertire l’andamento negativo che riflette problemi mai risolti e conseguenti  alle gare al massimo ribasso, nonché  alla contrazione dei volumi di traffico delle commesse”.

“Nella procedura – spiega il sindacalista – si dichiara che gli esuberi presenti nel capoluogo siciliano sono strutturali e si  specifica anche che “tale segmento (l’outbound) conferito nella societarizzazione, in seguito potrà essere scorporato per necessità organizzative””.

“Non solo è alquanto difficile convenire sul fatto che la societarizzazione del sito di Palermo possa risolvere problemi di tale natura ma soprattutto non vorremmo che l’operazione sia propedeutica alla creazione di una bad company, corrispondente al sito di Palermo appunto, dove Almaviva potrà interamente scaricare costi ed esuberi di personale”.

“Ecco perché – conclude Stefano Conti – attendiamo l’incontro che si terrà a breve a Palermo con le strutture territoriali e le rsu per avere un quadro più dettagliato della vertenza”.