Politica sui cookie

Teatro Stabile Catania, la Ugl approva la scelta del nuovo Cda. Ascoltata dai soci il nostro appello per nomi di alto profilo

teatro-stabile-catania
Sulla nomina del nuovo Consiglio di amministrazione del Teatro Stabile di Catania, interviene con una nota anche la Ugl etnea che prende atto della volontà dei soci di cambiare l’intera compagine amministrativa. “Alla fine si è optato per una soluzione che, comunque, ci soddisfa appieno – dicono il segretario territoriale Giovanni Musumeci, il segretario della federazione Spettacolo Massimo Ruta ed il rappresentante sindacale aziendale Jose Gagliano. Questo perché, nelle scorse settimane, avevamo detto che comunque ci saremmo aspettati un Cda di alto profilo, al pari dell’uscente proprio nell’impossibilità di una riconferma dei membri in scadenza. Siamo stati ascoltati, poiché sulle personalità designate non possiamo di certo esprimere alcun dubbio, considerati i prestigiosi curriculum di ognuno. Vogliamo ringraziare il presidente Carlo Saggio, ed i consiglieri che lasciano l’incarico, per l’ottimo lavoro svolto di risanamento che auspichiamo possa trovare continuità nell’azione del nuovo Cda – sottolineano i sindacalisti. Al neo presidente Rita Cinquegrana Gari, con la quale abbiamo avuto modo di collaborare con buon profitto sia nel suo ruolo di assessore comunale che di Sovrintendente del Teatro massimo “Bellini”, nonché ai nuovi componenti che negli anni abbiamo potuto apprezzare nelle loro professioni e nei loro impegni nel campo civico e della cultura. A loro offriamo la massima collaborazione, convinti che la partecipazione del personale nelle scelte aziendali rappresenta un elemento fondamentale per la vita dell’ente teatrale, in particolare in questa fase delicata di rilancio sia sul piano locale che su quello nazionale. Vogliamo infine dire un grazie – concludono Musumeci, Ruta e Gagliano, ai soci per aver accolto il nostro appello, nonché agli attori, alle maestranze ed agli operatori dello Stabile, che in questo periodo di grande attività sindacale per la salvezza, la ripartenza, la salvaguardia dalle criticità legate al Covid ed il cambiamento dei vertici, ci sono stati sempre vicino ed hanno contribuito fattivamente a portare avanti le istanze della Ugl”.