Politica sui cookie

Palermo. Messina (Ugl, ) una città ferita, allo stremo delle forze

palermo

“Cresce l’insofferenza dei cittadini del capoluogo siciliano. L’incuria della città si fonde con insicurezza dei cittadini sottoposti ogni giorno a dure prove. A cominciare dalla viabilità cittadina che non assicura i collegamenti essenziali per una città che si spaccia per capitale europea. E che dire delle discariche a cielo aperto che costituiscono ormai parte integrante dell’ambiente di certe periferie abbandonate”.

Lo dichiara Giuseppe Messina, Segretario Responsabile dell’Utl/Ugl di Palermo, il quale aggiunge “senza dimenticare la bomba ecologica, Bellolampo, pronta ad esplodere in qualsiasi momento senza che si assumano definitive decisioni sulla gestione dei rifiuti.

Con la riapertura delle scuole emergono carenze nel trasporto degli alunni è nei servizi in favore dei disabili.

Una città come Palermo, capitale per davvero del turismo per l’immenso patrimonio artistico e monumentale non può permettersi casi come quello della violenza su una minore di un extracomunitario irregolare”.

“Una gestione amministrativa – denuncia Messina – che va rivista al più presto per allineare Palermo agli standard delle aree metropolitane italiane ed europee. In questo il sindaco Orlando è la maggioranza che lo sostiene a Palazzo delle Aquile ha il dovere verso palermitani di cominciare a fornire risposte concrete, a cominciare dal riordino delle Partecipate, alla riorganizzazione è rilancio della cultura e del circuito teatrale ed alla creazione di quelle precondizioni necessarie all’insediamento produttivo, unico viatico per la nascita di occasioni di lavoro stabile e non precario”.