Politica sui cookie

Mobilità sostenibile. Virzì (UGL): “A Palermo si spara nel mucchio, pugno duro ingiustificato della Polizia Municipale contro i mezzi ecosostenibili”

monopattino-elettrico

“Non possiamo fare a meno che commentare il pugno duro ingiustificato della Polizia Municipale di Palermo, adottato in questi ultimi giorni anche  nei confronti dei velocipedi a pedalata assistita, che se da un lato lo riteniamo indispensabile per la prevenzione e sicurezza dei pedoni dentro le aree pedonali qualora fossero comunque  ben organizzate ma non è così,  dall’altro invece abbiamo la certezza che si stia sparando sul mucchio a discapito della mobilità sostenibile”.

A dichiararlo è Filippo Virzì, Portavoce dell’Ugl di Palermo.

“La mobilità sostenibile sta divenendo in città di fatto insostenibile, siamo d’accordo a reprimere i mezzi modificati e quindi fuori legge per via della loro pericolosità –  spiega Virzì  –  ma ci risulta da un nostro sopralluogo al centro storico di Palermo  e da testimonianze raccolte, di un forte accanimento oltre che verso i detentori di biciclette a pedalata assistita, come se non bastasse,  anche nei confronti dei proprietari di monopattini, inibiti nella circolazione dalla Polizia Municipale nelle aree pedonali”.

“La città di Palermo – prosegue  Virzì  –  va attualmente controcorrente battendo cassa evidentemente  per fini di bilancio, sparando nel mucchio, senza la reale volontà di sostenere i giusti costi indispensabili  a supportare la mobilità sostenibile,  per un necessario adeguamento  alla normativa vigente”.

“La micro mobilità elettrica  è una realtà affermata nelle più importanti città europee,  – conclude – dove le infrastrutture necessarie ed i  mezzi di trasporto che ben collegano i centri urbani sono una realtà, a differenza invece  del capoluogo regionale, in cui  la mobilità sostenibile  sopperisce ad una carenza cronica nei trasporti urbani e nei collegamenti con la periferia”.

“A Palermo si preferisce  inspiegabilmente –  conclude Virzì –  disincentivare la  circolazione dei mezzi ecosostenibili, con grave nocumento anche per  l’indotto commerciale, pertanto invitiamo il Sindaco di Palermo ad intervenire e ad adottare le necessarie  contromisure”.