Politica sui cookie

Lavoro. Ugl, i lavoratori del bacino Rmi vanno stabilizzati

cof

Nella giornata di giovedì  10 dicembre Ha avuto luogo a Palermo l’incontro fra una delegazione Ugl rappresentanta dal Segretario Giuseppe Messina  e dal Segretario Ugl Utl di Caltanissetta Andrea Alario e  l’assessore regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, Antonio Scavone.

“Stiamo tentando di mettere le basi per ottenere maggiori certezze occupazionali, almeno rispetto al recente passato – dichiarano Messina e Alario – all’esponente della giunta Musumeci è stato chiesto di valutare il futuro più immediato dei lavoratori appartenenti al bacino del Reddito Minimo di Inserimento (Rmi), che prestano servizio nei territori delle province di Caltanissetta e Enna ed anche per conto del Comune di Gela”.
All’incontro, ha partecipato anche una delegazione di operatori gelesi.

“Vogliamo assicurare un futuro diverso a questi lavoratori, che ormai da decenni operano, in maniera precaria, per conto dei Comuni, a cominciare da quello di Gela – dice Alario – l’assessore è parso molto disponibile.

Abbiamo sempre indicato la strada della stabilizzazione, attraverso un percorso che possa concludersi con i concorsi.

Ovviamente, non dipende tutto dalla Regione, ma anche dal ministero”.
Sono già in programma nuovi incontri per continuare a seguire la via della concertazione tra la parte sindacale e quella politica, in vista di un 2021 che gli Rmi sperano non sia solo di precarietà.