Politica sui cookie

Igea Banca. Ugl: “I licenziamenti su Palermo sono un segnale devastante per la categoria e per l’opinione pubblica”

 

igea-banca

“Riteniamo inaccettabili i licenziamenti eseguiti a Palermo nella florida Igea Banca ricapitalizzata a dovere per prepararsi ad un matrimonio con Banca del Fucino salvata recentemente per il rotto della cuffia, che sottolineiamo in un settore come quello bancario ultra garantito da ottimi accordi sindacali uno fra tutti il fondo d’accompagnamento di prossima scadenza,  il quale accompagna dolcemente passo per passo i lavoratori alla pensione, un ammortizzatore sociale unico in Europa”.

Così dichiara Franco Fasola,  Segretario dell’Ugl –  Unione Territoriale del Lavoro di Palermo.

“Appare paradossale  – spiega  Fasola – che una banca in buona salute, alle porte di un delicato rinnovo contrattuale in fase di ratifica da parte dei lavoratori, assuma dei nuovi dipendenti e ne licenzi altri, presentandosi così  all’altare di una fusione con queste pessime credenziali, giustificando la decisione per motivi  riconducibili al ridimensionamento dell’organico in quanto già adeguato rispetto alle esigenze stesse, pertanto con l’alibi dell’organizzazione e della produttività, un cattivissimo bigliettino da visita a livello di immagine per l’opinione pubblica intera e per la categoria dei bancari”.

 “La nostra Confederazione –  prosegue Fasola –  esprime la massima solidarietà ai lavoratori vittime di tale assurda azione, ed è vicina al sindacato autonomo della FABI, promotore della forte protesta,  unitamente alle Segreterie Territoriali di categoria FIRST CISL, FISAC CGIL e UNISIN, per cui  preannunciamo che  saremo al loro fianco nel corso della manifestazione di protesta organizzata nella giornata di lunedì a partire dalle ore 10,30 alle ore 12,00  in via Principe di Villafranca (angolo Via Dante) di fronte i locali di Banca Igea”.

“Ci  auspichiamo – conclude –  in un ripensamento di Igea Banca,  quindi in una soluzione lungimirante, condivisibile con le parti sociali”.