Politica sui cookie

EX ATO BELICE AMBIENTE, FASOLA (UGL): NEL TRAPANESE VICENDA RIFIUTI DAI MILLE LATI OSCURI

“Servizi inFasola (1)terrotti, personale spostato da un cantiere ad un altro come se fossero pedine e non persone, benché meno lavoratori, ed in tutto questo marasma ovviamente non dobbiamo discutere del pagamento delle retribuzioni. Tutto questo è il risultato dei super poteri assegnati al commissario straordinario nominato dal presidente della regione con l’ordinanza 1/rif. del 14 gennaio 2016″.
Ad affermarlo Franco Fasola, Responsabile dell’Unione Territoriale del Lavoro di Trapani Utl-Ugl commentando la vicenda dai mille lati oscuri che riguarda il servizio di raccolta rifiuti negli 11 comuni dell’ex Ato Belice Ambiente.
“Nel territorio della città di Mazara del Vallo – prosegue il sindacalista -assistiamo ad un continuo cambio di idee e di false promesse, a partire dalla presentazione della dotazione organica che ancora attendiamo”. 
Che aggiunge “va precisato ad onor del vero di essere venuti a conoscenza a mezzo stampa che la srr Trapani provincia sud abbia votato con Deliberazione del Consiglio di amministrazione n. 4 del 11 marzo 2016 una dotazione organica che conta  e che dovrebbe tutelare 314 unità lavorative, che praticamente non si discosta minimamente dalla precedente dotazione organica approvata con Deliberazione n. 18 del 4 settembre 2014”. 
“Alla luce di quanto esposto rilancia Fasola – non si comprende perché non si è provveduto ad una integrazione della Dotazione Organica del 2014, ovvero perché gli organi regionali non hanno provveduto ad approvare la Dotazione del 2014 ed oggi dovrebbe andare bene quella del 2016 stante la loro similitudine.
“L’UGL reitera la richiesta di istituzione e convocazione immediata di un tavolo tecnico perenne -conclude il Responsabile della UTL-UGL di Trapani -come ribadito più volte. È inconcepibile continuare ad assistere a queste gestioni commissariali che producono solo note e  carte, ma nulla più”.