Politica sui cookie

UGCons Sicilia: l’ordinanza del presidente Musumeci è coraggiosa ed indispensabile – il TAR non ha valutato elementi fondamentali della questione

ugcons

Esprime piena solidarietà ed appoggio l’associazione del consumatori UGCons Sicilia a difesa della salute dei cittadini verso il presidente della regione Nello Musumeci in merito alla questione migranti ed alla relativa Ordinanza del 22 Agosto con la quale ha disposto il divieto di ingresso e sosta nel territorio della Regione Siciliana da parte degli stessi e critica aspramente la decisione del TAR che ne ha sospeso gli effetti.

La decisone del TAR, a parere dell’associazione, non ha preso in debita considerazione aspetti fondamentali della vicenda e giuridicamente rilevanti.

Difatti, la decisione presa dal Presidente della Regione, con la citata ordinanza, si pone sul presupposto della “mancanza di strutture idonee di accoglienza”.

Ebbene, il TAR ha risolto la questione di competenza, in favore dello Stato, sul presupposto che le misure adottate, “involvono e impattano in modo decisivo sull’organizzazione e la gestione del fenomeno migratorio”, sebbene, precisa il Tribunale, “disposte con la dichiarata finalità di tutela della salute in conseguenza del dilagare dell’epidemia da COVID-19 sul territorio regionale”.

Tale ultima finalità non può ritenersi solo “dichiarata”, ma in verità esattamente corrispondente alla realtà fattuale, avendo  riguardo, come detto, alla inadeguatezza delle strutture di accoglienza, non in grado di poter contenere la diffusione del contagio.

Proprio questo è l’elemento determinante, precisa l’UGCons, che sposta l’ago della bilancia non soltanto sull’aspetto giuridico della questione, ma anche su quello politico, poiché da anni si denunciano le inadeguatezze strutturali degli hot spot dell’isola, continuamente colpita da flussi migratori.

Sebbene il territorio siciliano abbia sempre accolto i migranti, con lo spirito di solidarietà che lo contraddistingue, è fondamentale che ciò avvenga in massima sicurezza, soprattutto nel periodo attuale caratterizzato da una devastante pandemia in corso.

Lo Stato si rende sordo alle esigenze strutturali dell’isola, partendo dai presidi ospedalieri, ma pretende che si occupi dei migranti con punti di accoglienza che, estremamente inadeguati, sono un concreto pericolo di contagio per la popolazione: è evidente che non ha proprio a cuore la salute dei siciliani!

Musumeci è quindi dovuto intervenire, con coraggio e determinazione, per cercare di interrompere questo circolo vizioso pericoloso, per evitare che l’isola si ritrovasse in una situazione impossibile da gestire.

L’UGCons Sicilia provvederà a sostenere le giuste ragioni del Presidente, anche in sede giudiziaria, in adiuvandum alla posizione della Regione Sicilia.