Politica sui cookie

Teatri. Calabrese (Ugl Creativi), il futuro passi dal mondo reale non virtuale

maria-calabrese

“Purtroppo si sta diffondendo il malcostume nel mondo del teatro di pensare a prestazioni sempre e solo a titolo gratuito, questo è l’effetto streaming con formule di intrattenimento o informazione online a costo zero  il gioco è sempre al ribasso economico o alla gratuità,  insomma alla luce dei fatti, oltre il danno, la beffa per i teatri”.
A denunciarlo è Maria Calabrese, Segretario Provinciale dell’UGL Creativi di Palermo.
“Lavorare quasi gratis, era già una prassi consolidata nel passato nel teatro italiano, adesso
nel clima di tragica emergenza che ci attanaglia sembra che il gesto generoso stia diventando la norma. Dobbiamo salvare il teatro e tutti si suoi lavoratori” così rilancia Maria Calabrese.
“Il Ministro Dario Franceschini ipotizza un Netflix della Cultura – conclude Calabrese – ovviamente disapproviamo la sua idea, il teatro non può subire la metamorfosi on demand, teatri d’opera, di prosa, teatro ragazzi, centri di ricerca, residenze sono i punti fermi della nostra vita e garantiscono presidi culturali nel tessuto urbano e sociale, gli stessi vanno sostenuti attraverso finanziamenti straordinari e finanziamenti ordinari garantiti sul medio e lungo termine, solo in questo modo si potrà puntare sulla rinascita dei teatri e con essi alla tutela di tutti i lavoratori”.