Politica sui cookie

SANITA’: SPADA (UGL), BASTA CON IL PRECARIATO, SI SBLOCCHINO I CONCORSI

“La srenzo-spada-fotoituazione che vede coinvolti migliaia di lavoratori della Sanità in Sicilia è allarmante”.

Ad  affermarlo   in una nota è  Renzo Spada, Segretario regionale di Ugl Sanità il quale aggiunge, “ non tollereremo un nuovo periodo di austerità in termini di nuove assunzioni e stabilizzazione di posti di lavoro che disorienta e sconcerta il mondo del lavoro nel settore della medicina ospedaliera”.

 “Quello che vediamo estendersi e consolidarsi a tempo indeterminato  – spiega Spada –  non è il numero delle nuove assunzioni e della stabilizzazione dei posti di lavoro precari, bensì i tempi necessari e imprevedibili affinché vi sia uno sblocco dei concorsi e della stabilizzazione dei precari”.

“Si è conclusa una settimana nera – aggiunge –  in cui è stato confermato il taglio delle Unità Operative e dei posti letto previsto dalla revisione attuata dall’assessore Baldo Gucciardi su richiesta del governo nazionale, che creerà disagi all’intera popolazione siciliana lasciando scoperte intere aree territoriali di importanti unità interventistiche e comporterà la scomparsa delle Strutture Complesse di Medicina e Chirurgia d’accettazione e d’urgenza capaci di fronteggiare e monitorare situazioni di rischio attraverso la possibilità di ricovero dei pazienti con condizioni cliniche instabili; tale piano, una volta approvato, comporterà una riduzione del fabbisogno del personale e, dunque, il consequenziale blocco delle nuove assunzioni di personale sanitario e l’impossibile immissione in servizio a tempo indeterminato di quanti già operano come precari e che in regime di precarietà e continua incertezza per il proprio futuro lavorano con dedizione e abnegazione per il bene collettivo”.

“È grave e penalizzante nonché discriminatorio  –  sottolinea il sindacalista – che lo sblocco delle assunzioni della categoria degli ex Lsu avverrà tagliando le spese sui contratti a tempo determinato con cui vengono mantenuti in regime di assunzione medici e infermieri, avendo come risultato ultimo e paradossale una riduzione del personale sanitario qualificato per dar priorità e spazio a personale non medico. Tale piano sembra, in sostanza, andar contro le categorie che dovrebbero essere maggiormente tutelate e rispettate: cittadini e lavoratori, prendendo in considerazione un fabbisogno basato solo su dati sterili fatti di numeri e cifre”.

“Ci risulta difficile credere  – conclude – che tali considerazioni non siano state fatte da parte del governo regionale, e poiché sia palese la situazione di enorme difficoltà in cui la sanità siciliana continuerà a versare ci chiediamo quale sia il presunto razionale che guida tali scelte, pertanto, la Segreteria Regionale UGL Sanità Sicilia chiede  un incontro urgente con l’assessore Gucciardi e un’audizione alla Commissione Sanità dell’Ars al fine di trovare opportune soluzioni che conducano ad un esito positivo e risolvano l’annoso problema del precariato in ambito sanitario”.