Politica sui cookie

Sanità. Bonus Covid per operatori dei servizi ausiliari e nuovo affidamento tra i temi dell’incontro della Ugl salute con il dg del Cannizzaro. “Rassicurazioni su tema che riguarda circa 300 lavoratori”

covid-19
Si è tenuto nei giorni scorsi l’incontro tra il direttore generale dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro, dott. Salvatore Giuffrida e i rappresentanti sindacali aziendali della federazione provinciale Ugl salute, all’interno della Pfe, Giorgio Pizzati e Antonino Neri.
Un colloquio cordiale, quello chiesto dal sindacato, per discutere principalmente del riconoscimento del cosiddetto “bonus Covid” anche per gli operatori delle ditte private che, in appalto, gestiscono i servizi ausiliari.
Si tratta, infatti, di una problematica che non riguarda soltanto Catania e l’intera Sicilia, ma tutto il territorio nazionale dove vi sono altre aziende del settore privato che operano all’interno delle aziende ospedaliere pubbliche.
“Ci auguriamo che a livello centrale si comprenda appieno la funzione di operatori socio sanitari ed ausiliari, figure che quotidianamente lavorano a contatto sia con i medici che con gli infermieri. A differenza di queste due ultime categorie, però, ci siamo ritrovati senza un motivo ben preciso esclusi (lo sono principalmente i colleghi che hanno lavorato e continuano ad operare nei reparti Covid) dal riconoscimento dell’una tantum in busta paga – evidenziano Pizzati e Neri.
Confidiamo quindi che le istituzioni di Governo prendano una posizione definitiva, per il riconoscimento di questo ristoro a tutti i colleghi che hanno svolto e continuano ed espletare un’opera prezioso di assistenza ai servizi ospedalieri.
Nel contempo, con il dottor Giuffrida, che ringraziamo per l’ascolto e l’attenzione prestata, abbiamo potuto confrontarci sulle prospettive dei servizi stessi, considerato il fatto che tra non molto scadrà l’affidamento corrente e ci sarà una nuova gara per l’affidamento dell’appalto.
In questo senso, abbiamo espresso al direttore l’auspicio che l’Azienda ospedaliera Cannizzaro preveda nel bando in itinere la tutela dei livelli occupazionali nel pieno rispetto delle norme in materia – concludono i due sindacalisti”.