Politica sui cookie

REGIONE, SPICUZZA ( UGL TERZIARIO): “FUTURO E SUSSIDIO LAVORATIVO A RISCHIO PER I LAVORATORI, SUBITO UN INCONTRO CON IL GOVERNO”

“SiamFOTOGIUSEPPEo preoccupati per i  lavoratori sussidiati Emergenza Palermo (ex Pip) a causa dei  mancati pagamenti  effettuati in ritardo, e preoccupati per il  futuro occupazionale”.

A dichiararlo è Giuseppe Spicuzza, Vice Segretario Provinciale dell’Ugl terziario di Palermo.

“Gli ex Pip che oggi ,  – aggiunge –  si trovano penalizzati in quanto operavano tramite la gestione Social Trinacria Onlus in tutti i settori delle pubbliche amministrazioni, tra l’altro  ben gestita ma che Crocetta ha pensato di radiarla e licenziare tutti i soggetti che ve ne facevano parte penalizzando un’intera categoria di lavoratori a tempo indeterminato, mettendo in ginocchio una intera economia”.

“Il presidente Crocetta , spiega il sindacalista – che all’epoca dei fatti in diversi tavoli d’incontro susseguitisi con i sindacati confederali ed i lavoratori, diceva che il radiare la social Trinacria sarebbe stato come fare un passo indietro per poi poterne fare uno avanti nel breve tempo possibile, vine sconfessato dai fatti, in quanto  non e’ stato così, questa categoria di lavoratori sussidiati sono rimasti nel limbo dell’inferno da quasi 4 anni lavorano 6 ore al giorno 30 ore settimanali senza alcun diritto e senza un regolamento”

“Pertanto  –  conclude – ,  chiediamo affinchè  il governo siciliano provveda nell’immediato tempo possibile alla riqualificazione di questi lavoratori con una legge che li riveda lavoratori e dando loro un minimo di dignità  in modo da poter guardare in faccia rientrando a casa la propria famiglia con gioia e soddisfazione lavorativa la politica si faccia promotrice di questa giusta e sacrosanta richiesta sancita nella nostra amata costituzione diritto al lavoro e diritto alla famiglia, quindi chiederemo un incontro immediato al governo regionale al fine di concordare all’interno della prossima finanziaria soluzioni utili a garanzia del futuro di questi lavoratori”.