Politica sui cookie

Regionali e quota 100: “la norma doveva essere scritta meglio, si rimedi al più presto con una nuova legge”

regione-siciliana

“Il Governo regionale e l’Ars si attivino immediatamente per risolvere la discriminazione di fatto che si è venuta a creare per i dipendenti della Regione siciliana con la dichiarazione di incostituzionalità della norma regionale su Quota 100 e sull’aumento dell’aspettativa di vita”. A chiederlo sono le segreterie regionali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Cobas/Codir, Sadirs e Ugl Fna.

“Non possiamo lasciare – proseguono – che Quota 100 sia inaccessibile per i dipendenti regionali e che, tra l’altro, anche coloro i quali avevano presentato domanda di prepensionamento in base a una norma del 2015, che riconosceva loro i requisiti richiesti, si trovino adesso, a pochi mesi dal termine, a causa dell’aumento dell’aspettativa di vita di 5 mesi, a non poter più andare in pensione. Si predisponga, quindi, al più presto una legge che, indicando nel dettaglio la copertura finanziaria necessaria, permetta di superare le ragioni dell’impugnativa, rimettendo in regola i requisiti e concedendo anche ai dipendenti della Regione di usufruire di una norma, quella su Quota 100, che altrimenti avrebbe valore per tutti i dipendenti pubblici dello Stato eccetto che per i regionali. In questo modo – concludono – potremo portare a termine i pensionamenti previsti per coloro che maturano i requisiti entro il 31.12.2020”