Politica sui cookie

Les Polizia di Stato, buono vestiario di 70 euro, donato a Palermo al Convento dei Cappuccini

Listener

La Segreteria Provinciale LeS (Libertà e Sicurezza Polizia di Stato) di Palermo ha deciso di donare al Convento dei Cappuccini gli indumenti acquistati dai propri iscritti con il cosiddetto “buono vestiario” annuale che l’Amministrazione mette a disposizione dei poliziotti che svolgono la loro attività istituzionale in abiti civili.

Tale donazione è un gesto di assoluta carità nei confronti di chi sta peggio di noi, ma è anche un evidente gesto di protesta contro l’Amministrazione della Pubblica Sicurezza che elargisce “buoni vestiario” inspendibili e risibili!

E’ da anni che è andato riducendosi il valore del buono e che, addirittura, per l’anno 2016 è stato di Euro 70,00 pro capite.

Tra le altre argomentazioni vi è la contestazione del fatto che, vincitore dell’appalto per la Provincia di Palermo, è risultato essere  un negozio di abbigliamento femminileLa Vie en Rose” .

Questo fatto singolare ha costretto i poliziotti a cedere il proprio “buono vestiario” alle proprie mogli o fidanzate, in considerazione della stragrande presenza maschile dei poliziotti, facendo venir meno così il titolo parzialmente risarcitorio dell’usura dei propri vestiti.

In alternativa i poliziotti potevano scegliere, come unico capo maschile, un giubbotto uguale per tutti (unica scelta possibile il colore, sic!!!) e che a tanti poliziotti è risultato essere poco gradevole e di taglia diversa da quella riportata sull’apposita etichetta.

“Per questi motivi, dichiara Pasquale Guaglianone, Segretario Provinciale di Les Polizia di Stato per Palermo,  il sindacato dei poliziotti aderente all’Ugl,  – gli iscritti LeS di Palermo hanno preferito donare ai più bisognosi questo contributo, non considerandosi meritevoli di cotanta poca attenzione da parte degli Uffici preposti alla corresponsione di tale “ buono vestiario” ed allo stesso tempo intendono manifestare, ancora una volta, la grande generosità e vicinanza dei poliziotti nei confronti delle fasce più deboli della città.

Con questa donazione dei vestiti debitamente sigillati nella busta del negozio “La Vie en Rose” al Convento dei Cappuccini, da sempre impegnato nella tutela dei meno fortunati, i poliziotti dimostrano che si possono mettere in atto forme di protesta alternative che possono dimostrarsi anche utili per i più deboli.

“Ci auguriamo  – conclude il sindacalista – che la prossima volta i poliziotti di sesso maschile possano ottenere, in cambio del buono, abiti maschili e le donne poliziotte abiti femminili. Così per evitare sgradevoli sorprese”.