Politica sui cookie

Lavoratori ex indotto Fiat, ieri sit-in davanti l’Inps di Palermo su mobilità e assegni familiari. Ugl Metalmeccanici Sicilia: “Dall’Istituto finalmente risposte concrete”

 

ugl
Una rappresentanza di lavoratori della Lear, azienda appartenente all’indotto ex Fiat di Termini Imerese, iscritti alla Ugl, hanno protestato ieri mattina davanti alla sede dell’Inps di Palermo per denunciare la mancata corresponsione della mobilità in deroga, con molti di essi da che circa un anno e mezzo non hanno percepito neanche gli assegni familiari. Il sit-in è arrivato dopo una serie di mancate interlocuzioni con l’Istituto di previdenza, nonostante le richieste e sollecitazioni dei lavoratori, ed ha sortito il suo effetto considerato che una delegazione di manifestanti è stata ricevuta dal funzionario responsabile Giuseppe Amato insieme ad altri dirigenti. “Ringraziamo la direzione dell’Inps di Palermo che finalmente ci ha dato le risposte che aspettavamo, chiarendo alcuni aspetti fin quì ignoti, soprattutto sul pagamento della mobilità che ammonta a circa 450 euro per lavoratore – dicono dalla Ugl Metalmeccanici il segretario regionale  Angelo Mazzeo e il segretario provinciale Lorenzo Giordano. Si è trattato di un problema legato alla nuova piattaforma generale, che ha pregiudicato il versamento di due mesi delle somme decurtate del 40%. Operazione che avrebbe portato nelle tasche dei lavoratori circa 100 euro in più, ma che forse non aveva sufficiente copertura economica a livello nazionale tale da mandare il sistema in tilt. Ci hanno quindi assicurato dall’Inps che si procederà ai bonifici con il vecchio sistema, così come avverrà con gli assegni che avevano avuto un blocco tecnico.  Possiamo dunque dichiararci soddisfatti dell’azione che abbiamo sostenuto – concludono Mazzeo e Giordano – e continueremo a vigilare perchè questi fondi possano arrivare in tempi rapidi e assicurare ai dipendenti Lear (all’interno della quale la Ugl è il sindacato maggiormente rappresentativo) un Natale più sereno, lontano dalle ombre che negli anni passati hanno caratterizzato talvolta l’inerzia nell’erogazione degli ammortizzatori sociali”.