Politica sui cookie

GESAP. Fit-Cisl, UGL-T.A e Legea-Cisal avviano la procedura per lo stato d’agitazione dei lavoratori

presentazione-standard1

Venti di guerra alla GESAP,  i sindacati dei lavoratori Fit-Cisl, UGL-T.A e Legea-Cisal, in una lettera indirizzata all’azienda  denunciano dal 9 giugno 2016,  il mancato rispetto  di un accordo che prevedeva il 33%  da destinare a premio di risultato sull’utile di bilancio, sia per l’anno 2015 che per gli anni a venire, accordo comunque rispettato da Gesap  fino al 2016, nonostante l’esiguità dell’utile di bilancio raggiunto negli anni scorsi.

I sindacati  inoltre, rammentano che dopo il 9 giugno 2016 in nessuna sede è stata ridiscussa la percentuale o la somma da destinare ai lavoratori riguardo il premio di risultato per gli anni seguenti.

Inoltre, l’ accordo prevedeva che nel mese di maggio di ogni anno la società avrebbe convocato il sindacato  per comunicare i dati riguardanti il premio di risultato, accordo, anche questo, disatteso da Gesap spa.

Pertanto Fit-Cisl, UGL-T.A e Legea-Cisal in prospettiva di una paventata riorganizzazione aziendale,  hanno richiesto alla GESAP una  convocazione urgente, onde evitare  l’inasprirsi delle relazioni sindacali,  ed eventuali azioni legali mirate a far riconoscere nelle opportune sedi i propri diritti, fin qui lesi.