Politica sui cookie

Il Comitato “Io sto con l’Ammiraglio Nicola De Felice” e l’U.G.L. Sicilia incontrano le famiglie dei 18 pescatori di Mazara del Vallo rapiti in Libia da ben 102 giorni.

14d01325-092a-44ed-b06a-8d6a5fa61155

Questa mattina il dirigente Lega per Salvini premier del Lazio, Ammiraglio Div. (ris.) Nicola De Felice ed il segretario dell’UGL Sicilia, Giuseppe Messina, hanno portato la solidarietà personale e delle loro strutture alle famiglie dei 18 pescatori sequestrati in Libia da ormai 102 giorni.
Una prima iniziativa, istituzionale, s’è svolta in Municipio a Mazara mentre la seconda è stato un flash mob sotto le finestre dell’abitazione di famiglia del ministro Bonafede proprio per far capire al governo che non c’è più tempo e che i pescatori vanno liberati subito.
Molte le testate giornalistiche accorse al seguito della trasferta siciliana dell’Ammiraglio (ris.) Nicola De Felice che fanno ben sperare perché non cali mai l’attenzione fino alla liberazione.
Dopo le iniziative del Comitato “Io sto con l’Ammiraglio Nicola De Felice”, sia verso il governo regionale siciliano che nei confronti delle famiglie e dell’armatore dei 2 pescherecci; dopo la recente spedizione delle navi dell’UGL  spintesi fino al limite delle acque territoriali libiche, organizzata dal leader Francesco Paolo Capone, dal responsabile esteri Gian Luigi Ferretti e dallo stesso Giuseppe Messina, aspettiamo che il governo italiano faccia il suo dovere e si scrolli di dosso quell’atteggiamento sordo, pilatesco es indegno che ha assunto fin dall’inizio della triste vicenda.