Politica sui cookie

Call center 4U Servizi: Vitti (UGL), a Palermo allarme sociale per i 58 licenziamenti

persona-di-un-call-center-in-comunicazione-con-le-cuffie_318-33455

 

“Per la vertenza del call center 4U Servizi di Palermo sui quali pendono i 58 licenziamenti dichiarati nei giorni scorsi dall’azienda di call center palermitana, stamattina si è svolto un primo incontro istituzionale con l’amministrazione comunale di Palermo, rappresentata dall’assessore al lavoro Giovanna Marano, con una delegazione di lavoratori della 4U Servizi e dal Segretario UGL Telecomunicazioni  Antonio Vitti.

I lavoratori hanno illustrato all’assessore la vicenda aziendale spiegando i motivi che  hanno indotto a l’azienda a dichiarare i 58 esuberi di personale,  oltre alla crisi di lavoro, dovuta in parte al fenomeno delle delocalizzazione di attività verso paesi esteri dove il costo del lavoro è notevolmente inferiore, così come minori sono le tutele sul lavoro, aggiungono gli  stessi lavoratori che visitando il sito operativo  della 4U Servizi hanno riscontrato che le postazioni di lavoro sono tutte occupate da lavoratori di altre aziende, di cui alcune collegate alla 4U Servizi  e da  lavoratori a progetto (fortemente precari e senza stipendio fisso) che svolgono per conto dell’azienda alcune attività che precedentemente venivano svolte dagli stessi lavoratori per i quali oggi dichiarano i licenziamenti.

 “L’azienda di fronte a questa denuncia che il sindacato aveva posto il sindacato,  – dichiara Vitti –  Segretario  UGL telecomunicazioni, si era in precedenza difesa sostenendo che il costo dei lavoratori dipendenti  era troppo alto per quel tipo di attività di back office e vendita telefonica”.

“L’ UGL Telecomunicazioni –  ha ribadito Vitti –  all’Amministrazione comunale che Palermo non si può permettere la perdita di 58 posti di lavoro e pertanto il tavolo di confronto è stato rimandato ad un altro incontro da svolgersi a Palazzo di Città, con la presenza del Sindaco di Palermo Leoluca Orlando,  dell’A.D. della 4U Servizi  e delle Organizzazioni sindacali.

“Nel frattempo, cosi come chiesto dall’UGL,   – conclude il sindacalista  – oggi è arrivato da parte dell’Assemblea Regionale Sicilia  per la Segreteria Confederale UGL  Sicilia un invito a partecipare giorno 5 aprile p.v. alla Riunione della II Commissione Bilancio con all’ordine del giorno, Audizione dell’Assessore Regionale per l’Economia, dell’Assessore regionale per la famiglia, le Politiche Sociali e il lavoro e dei rappresentanti sindacali in merito alle problematiche finanziarie ed occupazionali del comparto dei Call Center”.